Votazioni federali del 26 settembre 2021

Gli elettori svizzeri erano chiamati a votare su due oggetti: l'iniziativa popolare "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale" è stata respinta dal 64,9% dei votanti e da tutti i cantoni, mentre il "Matrimonio per tutti" è stato accolto dal 64,1% della popolazione che si è recata alle urne.
See latest updates
See one new update
See new updates
Redazione Italiana

"Sì" al Matrimonio per tutti, secco "No" all'iniziativa 99%

Il "Matrimonio per tutti" è stato accettato dal 64,1% della popolazione, mentre l'iniziativa popolare "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale" è stata respinta dal 64,9% dei votanti e da tutti i cantoni.
In Ticino, il "Matrimonio per tutti" ha ottenuto il 52,9% di voti favorevoli, mentre per la cosiddetta "Iniziativa 99%" il no ha raggiunto il 65,5%.
|
No posts for now
Redazione Italiana
Il Live-blog della redazione italiana di Keystone-ATS sulle "Votazioni federali del 26 settembre 2021" termina qui.
|
Redazione Italiana

"Il matrimonio sarà aperto a tutti, indipendentemente dall'orientamento sessuale".

Karin Keller-Sutter, consigliera federale

"I cittadini hanno votato chiaramente e il testo è stato approvato da tutti i cantoni", ha detto la consigliera federale Karin Keller-Sutter parlando del Matrimonio per tutti. Tutti verranno trattati allo stesso modo dal punto di vista giuridico e avranno gli stessi diritti.

Le coppie omosessuali avranno accesso, ad esempio, alle adozioni e alla naturalizzazione facilitata. Le donazioni di sperma anonime e quelle di ovuli, oltre che le cosiddette madri surrogate, rimangono vietate, ha spiegato la ministra


  
    
      Il risultato di oggi è anche fortemente simbolico e un riconoscimento 
      delle coppie omosessuali da parte della società, ha detto in conferenza stampa la consigliera federale Karin Keller-Sutter.
Il risultato di oggi è anche fortemente simbolico e un riconoscimento delle coppie omosessuali da parte della società, ha detto in conferenza stampa la consigliera federale Karin Keller-Sutter.   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Il sistema fiscale svizzero funziona e non è necessario alcun nuovo bilanciamento

Ueli Maurer, consigliere federale

"Il Consiglio federale è contento" del "no" alle urne sull'iniziativa 99%, ha sottolineato il ministro delle finanze Ueli Maurer.

In sintonia con la posizione di governo e parlamento, nonché al termine di un dibattito ritenuto "molto pragmatico e costruttivo", il popolo ha ritenuto che il livello di distribuzione della ricchezza nel paese è da ritenersi sufficiente, ha spiegato il consigliere federale.


  
    
      Con il voto odierno si chiude un capitolo, ma il fronte fiscale rimane 
      in movimento.
Con il voto odierno si chiude un capitolo, ma il fronte fiscale rimane in movimento. "Ci sono non meno di sette progetti in discussione", ha spiegato il consigliere federale Ueli Maurer.   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Il Consiglio federale si esprimerà sui risultati odierni alle 16.30

|
Redazione Italiana

RISULTATI DEFINITIVI: il Matrimonio per tutti è stato accettato dal 64,1% della popolazione, mentre l'iniziativa 99% è stata respinta dal 64,9% dei votanti e da tutti i cantoni

|
Redazione Italiana

Matrimonio per tutti: "Sì lo voglio"

Il popolo elvetico ha accettato oggi il Matrimonio per tutti con il 64,10% dei "sì" e il 35,9% di "no". In Ticino i favorevoli sono risultati il 52,92%, con una partecipazione del 47,95%, nei Grigioni il 62,75%, con una partecipazione del 47,72%.

Il testo è stato approvato in tutti i cantoni, anche quelli storicamente conservatori: a Glarona è stato ad esempio accolto con il 61,12% dei voti, e a Nidvaldo il "sì" ha raggiunto il 61,57%. Il Matrimonio per tutti ha avuto particolarmente successo a Basilea Città con un'approvazione del 73,96%. Il cantone più "timido" è risultato invece Appenzello Interno, con "solo" il 50,82% di "sì".

Dopo una lunga battaglia, in Svizzera le coppie omosessuali potranno infine sposarsi.
Dopo una lunga battaglia, in Svizzera le coppie omosessuali potranno infine sposarsi.   credit: Gaetan Bally, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Nulla da fare per l'iniziativa 99%

Nessuna chance oggi per per l'iniziativa 99% dei giovani socialisti (GISO): la proposta di tassare maggiormente il capitale per sgravare il lavoro è stata respinta dal 64,9% dei votanti e da tutti i cantoni.
Riguardo alla geografia del voto, campioni del no si sono rivelati i cantoni di Nidvaldo (77,4%), Zugo (76,9) e Svitto (76,6%). Sul fronte opposto si sono schierati Basilea Città (51,9% di no), Giura (53,1%) e Neuchâtel (55,1%). Il Ticino ha assunto una posizione mediana (65,5%), mentre più decisa è stata l'opposizione nei Grigioni (70,8%).
I sondaggi della vigilia avevano previsto abbastanza precisamente l'esito dello scrutinio e sin dallo spoglio dei primi comuni e cantoni si è capito che il risultato non sarebbe mai stato in bilico.
I sondaggi della vigilia avevano previsto abbastanza precisamente l'esito dello scrutinio e sin dallo spoglio dei primi comuni e cantoni si è capito che il risultato non sarebbe mai stato in bilico.   credit: Urs Flueeler, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

I risultati definitivi in Ticino: "Sì" risicato al matrimonio per tutti, secco "No" all'iniziativa 99%

|
Redazione Italiana
|
Redazione Italiana
|
Redazione Italiana

I Comuni più favorevoli e quelli più contrari al Matrimonio per tutti

|
Redazione Italiana

I Comuni più favorevoli e quelli più contrari all'iniziativa popolare "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale"

|
Redazione Italiana

In Ticino, quando mancano i risultati degli ultimi quattro comuni, il Matrimonio per tutti è approvato di misura, mentre è netta la bocciatura per l'iniziativa 99%

|
Redazione Italiana

|
Redazione Italiana
|
Redazione Italiana

Il Matrimonio per tutti verso la netta approvazione, mentre l'iniziativa 99% è ufficialmente fallita: è già stata respinta dalla maggioranza dei cantoni e si prospetta una sonora bocciatura anche da parte del popolo.

|
Redazione Italiana

"Iniziativa 99%" ufficialmente fallita: respinta dalla maggioranza dei cantoni

Ora è ufficiale, l'iniziativa popolare "sgravare i salari, tassare equamente il capitale" è fallita: la proposta dei giovani socialisti è stata infatti respinta dalla maggioranza dei cantoni.

L'opposizione più decisa è giunta dal canton Svitto (76,6% di no), mentre i più favorevoli si sono rivelati gli elettori del Giura (46,9% di sì). I Grigioni hanno affossato il progetto (70,8% di no), mentre il dato del Ticino non è ancora noto.

Stando alle proiezioni l'iniziativa ha raccolto solo un voto su tre.

Nulla da fare per la Gioventù Socialista: l'iniziativa 99% è stata nettamente respinta.
Nulla da fare per la Gioventù Socialista: l'iniziativa 99% è stata nettamente respinta.   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
Updated 26. September 2021 14:17
|
Redazione Italiana
|
Redazione Italiana

GISO: ora far pagare ai ricchi la crisi climatica

Lo scopo dell'iniziativa "sgravare i salari, tassare equamente il capitale" era di aprire gli occhi sulle disuguaglianze e sul fatto che i grandi Paperoni possono arricchirsi senza lavorare, sulle spalle della popolazione, afferma il vicepresidente della Gioventù Socialista Thomas Bruchez, intervistato da RTS.

I giovani socialisti hanno già in cantiere una nuova iniziativa per "far pagare ai più ricchi la crisi climatica". Il testo mira a limitare i grandi patrimoni a 100 milioni di franchi e a utilizzare il denaro che supera la somma per finanziare la trasformazione economica e sociale della società.

La delusione del vicepresidente della Gioventù socialista, Thomas Bruchez.
La delusione del vicepresidente della Gioventù socialista, Thomas Bruchez.   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Si tratta di un passo importante verso l’uguaglianza che era atteso da molto tempo

Alexandra Karle, direttrice di Amnesty Svizzera

|
Redazione Italiana

Il Matrimonio per tutti verso la netta approvazione, mentre l'Iniziativa 99% verrà chiaramente respinta

|
Redazione Italiana

I risultati in Ticino dopo lo spoglio di 70 comuni sui 108 totali

|
Redazione Italiana

Un'importante pietra miliare della storia dei diritti in Svizzera

Maria von Känel, co-presidente del comitato dei favorevoli al Matrimonio per tutti

Per Maria von Känel, a sinistra, il risultato odierno alle urne è un chiaro segnale per la parità.
Per Maria von Känel, a sinistra, il risultato odierno alle urne è un chiaro segnale per la parità.   credit: Steffen Schmidt, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Il Matrimonio per tutti si avvia verso l'approvazione popolare

|
Redazione Italiana

La Svizzera si tinge di rosso sull'Iniziativa 99%


|
Redazione Italiana

La delusione di Funiciello e Rytz

L'ex presidente dei giovani socialisti svizzeri Tamara Funiciello si dice "chiaramente delusa" per il fallimento dell'iniziativa 99% Non è possibile raggiungere questa parità se una piccola minoranza guadagna molto denaro, mentre il resto della popolazione non ha tale opportunità, ha deplorato la deputata in dichiarazioni rilasciate alla televisione romanda RTS.

Anche la consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) prende atto con rammarico della chiara tendenza negativa. "Mi preoccupa molto che una certa 'industria del taglio delle tasse' voglia attuare tutta una serie di sgravi a favore dei ricchi", ha detto. "Contro queste richieste ci batteremo con l'arma del referendum", ha promesso.

Verdi e PS erano le uniche formazioni politiche che sostenevano l'iniziativa.

L'ex presidente dei giovani socialisti svizzeri Tamara Funiciello e la consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) nel giugno 2020.
L'ex presidente dei giovani socialisti svizzeri Tamara Funiciello e la consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) nel giugno 2020.   credit: Peter Klaunzer, Keystone-ATS
Updated 26. September 2021 12:57
|
Redazione Italiana
|
Redazione Italiana

La soddisfazione del comitato favorevole al Matrimonio per tutti: le persone si sono riunite a Berna per attendere i risultati

|
Redazione Italiana
L'iniziativa popolare "sgravare i salari, tassare equamente il capitale" (iniziativa 99%) è stata respinta dal 66% dei votanti, mentre il Matrimonio per tutti è stato approvato alle urne con il 64% dei voti.
È quanto emerge dalla proiezione presentata poco fa dall'istituto demoscopico Gfs.bern, che lavora per l'ente televisivo SRG SSR. Il margine d'errore è del +/-3%.
Dalle urne un chiaro
Dalle urne un chiaro "no" e un chiaro "sì".   credit: Salvatore di Nolfi, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Delusione fra i contrari al Matrimonio per tutti

"È stato fondamentale portare un argomento così importante davanti al popolo", ha detto ai microfoni della SSR Anian Liebrand, democentrista e fra i fautori della campagna.

Il tutto, anche solo per poter fare davvero chiarezza: "In molti, fino all'ultimo giorno, non hanno capito che si parlava anche del futuro di alcuni bambini. I favorevoli parlavano solo di quanto è bello l'amore, ma il tema era decisamente più complesso", ha sottolineato.
Il democentrista Anian Liebrand è stato tra i fautori della campagna del
Il democentrista Anian Liebrand è stato tra i fautori della campagna del "no": lo scorso aprile ha consegnato le 59'176 firme del referendum.   credit: Peter Klaunzer, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Euforia tra i favorevoli al Matrimonio per tutti

"Siamo emozionati vedendo i dati dei voti. Personalmente ho fatto coming out negli anni '80 e non è stato sempre divertente", ha dichiarato ai microfoni della SRF il consigliere nazionale Michael Töngi (Verdi/LU).
"Spesso - ha aggiunto - si ha l'impressione che in politica non si avanzi mai, ma le cose sono cambiate. Sono felice, ma le lotte per l'eguaglianza continuano".
 Il consigliere nazionale Michael Töngi (Verdi/LU) è soddisfatto dei risultati che stanno arrivando sul Matrimonio per tutti.
Il consigliere nazionale Michael Töngi (Verdi/LU) è soddisfatto dei risultati che stanno arrivando sul Matrimonio per tutti.   credit: Alessandro Della Valle, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana
L'Iniziativa 99% è destinata ad essere affossata: quasi due terzi degli elettori avrebbero detto "no" secondo una tendenza dell'istituto demoscopico Gfs.bern. Ecco i comuni che finora hanno registrato una percentuale particolarmente alta di contrari.
|
Redazione Italiana

"Sì" al Matrimonio per tutti, "No" all'Iniziativa 99%

Secondo i primi dati diffusi dalla SSR, in collaborazione con l'istituto gfs.bern, il Matrimonio per tutti verrà approvato alle urne, anche se non vengono ancora fornite cifre.
Stando alla prima proiezione, l'iniziativa popolare per "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale" verrà invece respinta.
Secondo le prime proiezioni si va verso un
Secondo le prime proiezioni si va verso un "sì" e un "no"   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Matrimonio per tutti

La revisione del Codice civile denominata "Matrimonio per tutti" è stata approvata dal Parlamento lo scorso dicembre, dopo un percorso durato sette anni. Il progetto include anche la possibilità per le coppie lesbiche di accedere alla donazione di sperma.

Le grandi linee del disegno di legge prevedono che le attuali disposizioni che regolano il matrimonio si applichino in futuro anche a quello fra persone dello stesso sesso. Di conseguenza, non sarà più possibile costituire nuove unioni domestiche registrate.

I partner che hanno contratto un'unione domestica registrata, qualora questa revisione dovesse entrare in vigore, potranno comunque continuare a restare vincolati da tale istituto giuridico. Allo stesso tempo, chi lo desidera potrà convertire l'unione domestica in matrimonio senza inutili ostacoli burocratici.

Il Matrimonio per tutti è stato oggetto di referendum da parte di comitati apartitici con rappresentanti soprattutto di UDC e Unione democratica federale (UDF).
Il Matrimonio per tutti è stato oggetto di referendum da parte di comitati apartitici con rappresentanti soprattutto di UDC e Unione democratica federale (UDF).   credit: Gaetan Bally, Keystone-ATS
|
Redazione Italiana

Iniziativa 99%: "Sgravare i salari, tassare equamente il capitale"

La proposta di modifica costituzionale, presentata da Gioventù socialista, mira ad aumentare le imposte per i più ricchi in modo da sgravare i piccoli e medi redditi, ovvero il 99% della popolazione. Per assicurare una migliore distribuzione della ricchezza, l'iniziativa prevede una imposizione del 150%, invece del normale 100%, per la parte di reddito da capitale - dividendi, guadagni da interessi o affitti dedotti i costi di manutenzione e gestione - superiore a una soglia definita per legge e non precisata nel testo.

I particolari andrebbero disciplinati dalla legge. Per garantire che i piccoli risparmiatori non vengano danneggiati dall'iniziativa si vuole introdurre un importo esente di 100 mila franchi. Esonerati dalla maggiore tassazione sarebbero anche le pensioni assicurate dal primo e dal secondo pilastro.

L'Iniziativa 99% è stata presentata da Gioventù socialista.
L'Iniziativa 99% è stata presentata da Gioventù socialista.   credit: Anthony Anex, Keystone-ATS
|